L'ANELLO DEBOLE di PIERA CARLOMAGNO

Una bellissima infermiera viene trovata ammazzata, con un solo proiettile in mezzo alla fronte, al Ponte della Maddalena a Napoli. L’indagine porta il commissario Ernesto Baricco a indagare su una lobby affaristica che ha come centro Villa delle Orchidee, fiore all’occhiello della sanità privata campana.

24/01/2016

Una bellissima infermiera viene trovata ammazzata, con un solo proiettile in mezzo alla fronte, al Ponte della Maddalena a Napoli. L’indagine porta il commissario Ernesto Baricco a indagare su una lobby affaristica che ha come centro Villa delle Orchidee, fiore all’occhiello della sanità privata campana. Tra società fallite, finanziarie estere, consulenti che risucchiano fiumi di denaro e professionisti specializzati nel lavoro sporco, Baricco si ritroverà a scavare nel passato della donna e – aiutato dall’avvocato Federico Brizzi e dalla giornalista de Il Mattino Annaluce Savino – scoprirà una terribile verità che farà tremare i palazzi del potere.

Piera Carlomagno, giornalista professionista, scrive su Il Mattino di Napoli. Con CentoAutori ha pubblicato i romanzi gialli “Le notti della macumba” (2012), finalista al Premio Tedeschi 2011 e “L’anello debole” (2014) Premio Garfagnana in Giallo sezione ebook IV edizione, Premio Speciale Giuria Proviero Città di Trenta VII edizione, Premio Assoluto Casa Sanremo Writers V edizione e ora Finalista al Premio Lomellina in Giallo che sarà proclamato il 4 ottobre. Nel 2013 ha vinto il Terzo Premio Carlo Levi della Fondazione Giorgio Amendola di Torino con il racconto “L’elettore”. Altri racconti sono presenti in antologie. E’ presidente dell’associazione noir “Porto delle nebbie” che cura la sezione “Largo al giallo” del Salerno Letteratura e organizza “le notti di Barliario”. È’ laureata in Lingua e letteratura cinese e ha tradotto un’opera teatrale del Premio Nobel Gao Xingjian. Per L U S T R I TEATRO cura i rapporti con la Stampa.

cittadisolofra h100
accademia di teatro
hypokrytes h50