Si alza il sipario sul teatro di Lustri: il racconto di Ex Amleto con Roberto Herlitzka e Ruggero Cappuccio

Scritto da  , Pubblicato in Teatro

Roberto Herlitzka in Examleto dà vita ad uno spettacolo di avanguardia che si propone cone una "rilettura" dell'omonima tagedia shakespeariana, anche perchè, come lo stesso attore ha più volte dichiarato, non avrebbe potuto altrimenti relazionarsi per ovvie ragioni anagrafiche con il più classico dei testi.

Roberto Herlitzka in Examleto dà vita ad uno spettacolo di avanguardia che si propone cone una "rilettura" dell'omonima tragedia shakespeariana, anche perché, come lo stesso attore ha più volte dichiarato, non avrebbe potuto altrimenti relazionarsi per ovvie ragioni anagrafiche con il più classico dei testi. Prende forma un monologo fedele nelle parole al testo originario, ma non nella struttura, dal momento che le battute vengono mischiate e ricomposte; Amleto domina la scena non come un personaggio, ma come un essere che esiste, che si finge pazzo per rivelare che "C'è del marcio in Danimarca", ma come tutti quelli che credono nel bene, deve prendere atto che in realtà c'è del marcio ovunque. Quella di Amleto è una storia universale che si colloca al di fuori del tempo e dello spazio e che imprime un cambiamento, ribalta formule diffuse e dotte in qualcosa di completamente opposto: Herlitzka si concentra soprattutto sul passaggio da "essere e non essere" di aristotelica memoria a "essere o non essere". Nel 2015 Exameto è diventato un film per il teatro per la regia di Ruggero Cappuccio trasmesso su Rai5 la scorsa primavera in occasione del Shakespeare Day, a quattrocento anni dalla morte del più grande tra i drammaturghi.

Il 29 ottobre LUSTRI, volendo inaugurare la sua stagione teatrale con un omaggio a Shakespeare, ha offerto al suo pubblico un confronto aperto tra Ruggero Cappuccio e Roberto Herlitzka proprio su Examleto: sono state ripercorse le tappe salienti e le motivazioni che hanno portato alla costruzione dello spettacolo fino alla realizzazione del film, del quale sono stati proiettati alcuni frammenti in alternanza a pezzi recitati dal vivo.

14853171 679701662196824 4976770536618902266 o

Nella parte dedicata a Oltre la scena, curata dal direttore artistico Enzo Marangelo, sono stati sollevati interessanti spunti di riflessione: dove sono oggi la drammaturgia e il teatro? Secondo Cappuccio (considerato uno tra i maggiori drammaturghi italiani) la drammaturgia attraversa una crisi profonda: gli autori lavorano sulla struttura ma non sul linguaggio, che o non hanno o risulta impoverito dall'omologazione indotta dalla globalizzazione che ha investito la narrativa, il teatro e il cinema rattrappendoli. Lavorano su una lingua italiana poverissima, che per molti versi lingua italiana non può neppure più definirsi; sono indotti ad ignorare ogni rapporto con la tradizione, ritenuta un cadavere, una cosa superata o un qualcosa che si ripete stancamente. La tradizione invece è un elemento del passato in grado di provocare il presente e rinnovarlo; a questo livellamento del linguaggio contribuiscono i social network che inducono a vivere una vita unificata e surreale in cui non si ha più percezione delle affettività, della diversità delle esperienze. Herlitzka ha sposato le idee di teatro di Cappuccio proprio perchè lo ritiene uno dei pochi autori che scrive usando "la lingua" come una materia prima, come un'essenza del teatro, scavando profondamente tra le coltri del lessico e proponendo parole incisive.

Secondo Herlitzka oggi il teatro è dalla parte dei teatri off, dei teatri piccoli e autonomi, delle compagnie che si autogestiscono e che non esisterebbero se non avessero una salda volontà nel perseguire "l'arte del teatro". Incontrare e ascoltare personalità del calibro di Herlitzka e Cappuccio è, citando quest'ultimo, "un miracolo che conforta": niente di quanto è stato detto è risultato banale, noioso o diretto ad un intrattenimento vuoto e fine a se stesso, piuttosto tutto il discorso ha mirato a stimolare la curiosità, la riflessione critica, la sensibilità dello spettatore interessato a rafforzare la propria intelligenza, cogliendo in pieno lo spirito di LUSTRI.

Alessandra Durighiello

Ultima modifica ilSabato, 12 Novembre 2016 16:54
Etichettato sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cittadisolofra h100
accademia di teatro
hypokrytes h50