Al via gli "Ascolti emotivi" sulle note di George Winston e Philip Aaberg

Scritto da  , Pubblicato in Musica

Domenica 27 Novembre, nella Sala archi del Complesso monumentale di Santa Chiara di Solofra, si è aperta "Ascolti emotivi", la sezione di Musica di Lustri curata da Alfredo Micoloni.

Luce soffusa. Ambiente caldo e rassicurante. Un unico grande letto centrale. L'obiettivo è quello di creare per l'ascoltatore un'atmosfera di rilassamento meditativo. E' così che Enzo Marangelo allestisce la Sala archi del Complesso monumentale di Santa Chiara a Solofra per l'apertura di Ascolti emotivi, la sezione di Musica di Lustri curata da Alfredo Micoloni, un appassionato di musica, come preferisce definirsi, non avendola mai né studiata né teorizzata.

Il primo incontro è dedicato all'ascolto di alcuni brani di George Winston e Philip Aaberg, considerati tra i maggiori esponenti della musica new age strumentale per pianoforte. La musica suscita in noi emozioni profonde come gioia o tristezza, dà sollievo dalla monotonia della quotidianità, dalla depressione, dà sfogo alla nostra rabbia e alla nostra solitudine. Sì, la musica ci permette di manifestare quei sentimenti che proviamo e che reprimiamo e il fatto che anche qualcun altro li abbia provati come noi, ci fa sentire un pò meno soli. Le emozioni che la musica provoca ci mettono in contatto con il nostro io, ci parlano delle nostre mancanze e dei nostri desideri; dunque ascoltarle significa connetterci direttamente con il nostro mondo interiore e conoscerci pienamente. Attraverso la musica possiamo raggiungere uno stato di serenità emotiva, possiamo lasciarci andare a suggestioni oniriche, alla rappresentazione interna simbolica e astratta della musica stessa.

Una proposta alternativa e coraggiosa quella di quest'anno di Lustri, se si considera che oggi disponiamo di mezzi che ci consentono di ascoltare qualsiasi genere musicale ovunque. In realtà è poco il tempo che dedichiamo alla ricerca e alla conoscenza di nuova buona musica, limitandoci all'ascolto distratto di quella offerta alla radio. Così come è poco il tempo che disponiamo per curarci dallo stress quotidiano, ritagliandoci anche piccoli momenti dedicati al rilassamento o alla riflessione. Un'esperienza diversa e un'occasione da non perdere.

                                                                    Alessandra Durighiello

Ultima modifica ilMercoledì, 30 Novembre 2016 20:05
Etichettato sotto

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

cittadisolofra h100
accademia di teatro
hypokrytes h50